Musica e pace

“Musica e Pace” è un progetto che si rivolge ad alunni e docenti delle scuole secondarie di secondo grado, con l’intento di promuovere una riflessione sulla pace e sui modi in cui la musica può concorrere a realizzarla.

L’idea di fondo è quella di suscitare degli interrogativi sui temi della pace e della musica, proponendo l’ascolto di brani musicali tratti da tradizioni culturali, generi e periodi storici diversi, approfondendo specifiche tematiche attraverso l’intervento di esperti di chiara fama e, soprattutto, invitando gli stessi alunni e docenti a sviluppare le proprie personali riflessioni, nelle forme che essi ritengono più opportune (testi scritti, filmati, supporti multimediali, esecuzione di brani musicali, etc.). Non si tratta, quindi, di un prodotto preconfezionato, ma di un vero e proprio progetto, che può essere adattato agli interessi ed esigenze dei singoli istituti e che necessita della loro attiva collaborazione per poter essere realizzato.

Il progetto “Musica e Pace” ha visto una prima fortunata realizzazione il 20 dicembre scorso (2008) presso il Teatro del Popolo di Gallarate. All’iniziativa hanno preso parte più di duecento alunni e diversi docenti dei Licei di Viale dei Tigli di Gallarate (Liceo Classico “Giovanni Pascoli” e Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”). Scopo dell’incontro, organizzato per l’occasione in vista dell’allora imminente missione di pace del coro Dalakopen a Gerusalemme, era quello di interrogarsi sul modo in cui la musica – in particolare quella corale – possa contribuire a creare delle condizioni che favoriscano la pace tra popoli di culture e religioni diverse.
La manifestazione ha visto la partecipazione, oltre che del coro Dalakopen, che ha eseguito una decina di brani di diverso genere e provenienza musicale variamente ispirati alla pace, anche del professor Giacomo Baroffio, docente di Musica Medievale presso la facoltà di musicologia dell’università di Pavia e fra i maggiori esperti italiani di Canto Gregoriano, il quale ha tenuto una lezione-concerto sul tema: “Musica e liturgia nelle religioni del Libro”.
Il tutto è stato completato dagli interventi di alcuni studenti dei due licei coinvolti, che hanno approfondito il tema della musica intesa come linguaggio universale mediante l’esecuzione di brani musicali, la lettura di poesie e testi di varia provenienza e il supporto di filmati audiovisivi.

Riteniamo, considerando il modo in cui si è svolta la manifestazione e tenendo presenti le opinioni, raccolte “a caldo”, di studenti e professori, che l’iniziativa sia stata gradita e sia servita, quanto meno, a fornire a chi vi ha preso parte molteplici spunti di riflessione.

Speriamo che il progetto in questione possa incontrare l’interesse di molte altre scuole, in modo da poterci interrogare, su temi di così grande importanza, insieme con molti altri professori ed alunni.